Articoli

Al via il corso “Professione Enogastronomo II” presso il Dipartimento di Scienze.

Enosis annuncia con soddisfazione il conferimento di incarico di insegnamento assegnato al CEO di Enosis, Carlo Dugo, con bando dell’Università degli Studi Roma Tre per le attività connesse all’anno accademico 2020/2021.

Carlo Dugo parla in pubblico

Carlo Dugo

Il ciclo di seminari intitolato “Professione Enogastronomo II” ha preso avvio presso il Dipartimento di Scienze dell’Università Roma Tre il primo marzo 2021. L’obiettivo del corso è di presentare agli studenti del secondo anno di laurea in Scienze e Culture Enogastronomiche differenti percorsi e possibili sbocchi professionali nel campo dell’enogastronomia, spaziando dalla comunicazione, alla rappresentanza, al giornalismo di settore e all’imprenditoria. Attraverso la partecipazione di professionisti ed esperti del settore enogastronomico, vengono affrontati temi diversi con approcci ed esperienze personali dei relatori invitati da Carlo Dugo a raccontare la propria esperienza ed a descrivere il contesto professionale di riferimento.

 

I seminari si tengono tutti i lunedì dalle 15:30 alle 17:30 secondo il seguente calendario:

01/03 Carlo Dugo – CEO Enosis Srl
La filiera del vino: descrizione generale del settore e delle opportunità

08/03 Carlo Dugo – CEO Enosis Srl
La valorizzazione dei territori – politiche agricole e strumenti comunitari

15/03 Paolo Bucci – CEO Bucci Srl
L’importanza della GDO nella filiera agro-alimentare

22/03 Antonio Paolini – Giornalista enogastronomico coordinatore Guide food Gambero Rosso
Le guide delle eccellenze enogastronomiche

29/03 Nicola di Noia – Direttore Generale Unaprol
La filiera dell’olio

12/04 Carlo Dutto – Ufficio stampa beverage
La comunicazione del mercato agro-alimentare nell’era digitale

19/04 Vincenzo Liccardi – Presidente FIMAR – Federazione Italiana Manager della Ristorazione
I processi gestionali nelle aziende agro-alimentari: consuetudini, tradizioni e innovazione

26/04 Maurizio Valeriani – Giornalista enogastronomico
Degustazione, informazione e comunicazione: il lavoro del giornalista enogastronomo

03/05 Riccardo Illy – Presidente Gruppo Illy SpA
L’imprenditoria innovativa nel settore agro-alimentare

10/05 Roberto Messini – Direttore Commerciale
Mercati e tendenze

17/05 Stefano Falla – AD La collina dei ciliegi
L’alta finanza e le aziende vitivinicole

24/05 Marialuciana Di Santi – Legale esperta in wine law
Certificazione e tracciabilità della filiera italiana del vino

31/05 Case history di un’azienda vitivinicola

Il 4 novembre 2020, dalle ore 16:00 alle 18:00, il CEO di Enosis, Carlo Dugo, è stato protagonista del ciclo di seminari Professione Enogastronomo III del corso di Laurea in Scienze e Culture Enogastronomiche del Dipartimento di Scienze dell’Università degli Studi Roma Tre. Il tema trattato è stato l’imprenditoria nel mondo del vino.

L’insegnamento, tenuto dalla docente Giancarla Greto, illustra agli studenti i possibili sbocchi professionali nel settore enogastronomico, uno dei settori di punta dell’economia della penisola. Il ciclo di seminari è impreziosito dall’esperienza diretta di professionisti di ampia fama nazionale ed internazionale che si raccontano, arricchendo con reali esperienze il percorso formativo degli studenti.

La natura dei contenuti trattati rende questa attività utile anche come strumento di apertura al territorio sui temi cari al Dipartimento di Scienze: sostenibilità ambientale e biodiversità come chiavi per la valorizzazione, salvaguardia e promozione innovativa delle specificità enogastronomiche del territorio italiano.

 

Leggi qui la news sul sito del Dipartimento di Scienze dell’Università degli Studi Roma Tre.

Anche quest’anno il CEO di Enosis Carlo Dugo ha preso parte come giudice degustatore al Concours Mondial de Bruxelles organizzato a Brno in Repubblica Ceca.

Per la prima volta nella storia della competizione, le degustazioni si svolgono a inizio settembre. Nel cuore della Moravia meridionale, a Brno, 250 degustatori hanno dato il via alle sessioni rispettando scrupolosamente le regole sanitarie in vigore.

Qui il comunicato stampa ufficiale dell’apertura del 27° Concours Mondial de Bruxelles.

Seguiteci sulla pagina Facebook di Enosis per saperne di più ogni giorno!

Riportiamo il comunicato stampa pubblicato dal magazine enogastronomico Vinodabere che annuncia l’apertura in Messico del Wine Bar firmato CMB.

Luglio 2020: il primo Wine Bar del Concours Mondial de Bruxelles (CMB) apre le sue porte nel centro direzionale di Città del Messico. Con una area di 650 metri quadri, il Wine Bar del CMB proporrà agli avventori vini e alcolici provenienti da tutto il mondo, tutti sotto l’egida del label di qualità Concours Mondial de Bruxelles. A causa della pandemia in corso, l’apertura sarà più che altro un pre-lancio poiché le circostanze attuali non consentono agli organizzatori di inaugurare il luogo come previsto inizialmente.

Il Wine Bar CMB fa parte di un progetto, iniziato circa due anni fa, che nasce dalla stretta collaborazione tra Carlos Borboa, sommelier, giornalista e comunicatore, rappresentante del Concours Mondial di Bruxelles in Messico nonché direttore di Mexico Selection, e Baudouin Havaux, Presidente del Concours Mondial de Bruxelles e direttore di Vinopres.

La selezione dei vini italiani è a cura di Carlo Dugo, CEO di Enosis, nonché autore di Vinodabere ed ambasciatore italiano per il Concours Mondial de Bruxelles.

Il concept inedito

Il concept del progetto va ben oltre un classico wine bar. Il suo obiettivo principale è di creare una vetrina per i vini premiati dal Concours Mondial de Bruxelles e dagli altri concorsi organizzati dal CMB, come il Mexico Selection by Concours Mondial de Bruxelles, il Concours Mondial du Sauvignon e Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles. Verrano serviti solo vini premiati al Concours Mondial de Bruxelles, a garanzia di qualità. Il bar aprirà con 250 vini e alcolici che saranno esposti nella Wine Library, con una capacità di esposizione di 700 etichette.

Ma secondo il Presidente del Concours Mondial de Bruxelles, Baudouin Havaux: “L’obiettivo finale è di proporre nella carta dei vini tutte le migliaia di vincitori provenienti dai 54 Paesi che partecipano al concorso di anno in anno.”

Ulteriore obiettivo del Wine Bar del CMB è sviluppare uno strumento di comunicazione e promozione per i produttori premiati che desiderano lavorare sul mercato messicano. È stato concepito come una piattaforma dove i produttori di tutto il mondo possono interagire sia con gli appassionati di vini e alcolici sia con gli operatori del settore quali sommelier, distributori e importatori.

Continua a leggere il comunicato stampa

 

La principale agenzia di stampa italiana parla di noi! ANSA ha pubblicato un lungo articolo sull’attività di Enosis, sulla partnership con la Fondazione Italia-Giappone, sulla operatività sul mercato giapponese. E soprattutto sull’iniziativa di Enosis a supporto dell’Ospedale Spallanzani di Roma durante l’emergenza Coronavirus, al quale devolverà parte del ricavato delle vendite di vino ed alcolici effettuate sul portale OkWine .

Visita il sito web dell’ANSA

Il magazine enogastronomico Vinodabere parla di OkWine, il nuovo e-commerce delle eccellenze vinicole di Enosis, nato durante l’emergenza sanitaria globale dovuta al Coronavirus, e dell’iniziativa di Enosis di devolvere parte del ricavato in beneficenza all’Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma.

Leggi la notizia

Riportiamo la bella intervista rilasciata a Vinopres da Carlo Dugo, fondatore e proprietario di Enosis, nella quale condivide la sua esperienza di promotore dei vini premiati al Concours Mondial de Bruxelles. Un’interessante riflessione sul valore aggiunto trasmesso da una medaglia e sui benefici e le opportunità generati dalla partecipazione alla competizione enologica internazionale.

Clicca sul logo del Concours Mondial del Bruxelles per leggere l’intervista:

Anche il magazine enogastronomico ha riportato l’intervista.

Il magazine enogastronomico Vinodabere ha pubblicato la videointervista di Carlo Dugo a Karin Meriot, coordinatrice eventi Italia per il Concours Mondial de Bruxelles, andata in diretta sulla pagina Facebook di Enosis il 4 aprile 2020. Un’importante occasione per sentire il racconto del rinomato concorso enologico internazionale da chi lavora “dietro le quinte” e da chi continua a lavorare per portare avanti l’organizzazione del concorso nonostante la crisi attuale causata dal Covid-19.

Clicca sull’immagine per vedere l’intervista

 

 

 

Superficie vitata totale: 7 ettari

Produzione bottiglie totale: bottiglie prodotte 22.000